GIOVANNI LO PRESTI Metaphorá

Filed under:Lombardia,Personale — scritto da Mostre in Italia il 17 febbraio 2010

ARIANNA SARTORI
ARTE & OBJECT DESIGN
Via Ippolito Nievo, 10 – 46100 MANTOVA
Tel e Fax: 0376 32.42.60 – info@sartoriarianna.191.it

Lo prestiGIOVANNI LO PRESTI
Metaphorá

dal 20 febbraio al 4 marzo 2010

Nome della Galleria: Galleria "Arianna Sartori"
Indirizzo: Mantova – via Ippolito Nievo, 10 – tel. 0376.324260
Titolo della mostra: Giovanni Lo Presti. Metaphorá
Date: dal 20 febbraio al 4 marzo 2010
Inaugurazione: Sabato 20 febbraio, ore 17.00. Sarà presente l’artista
Orario di apertura: 10.00-12.30 / 16.00-19.30. Chiuso festivi

Dal 20 febbraio al 4 marzo 2010, la Galleria “Arianna Sartori Arte & object design” di Mantova, in via Ippolito Nievo 10, ospita la mostra personale di Giovanni Lo Presti, intitolata “Metaphorá”. L’inaugurazione si terrà il 20 febbraio alle ore 17.00 alla presenza dell’artista.
Giovanni Lo Presti è nato a Vittoria (Ragusa) nel 1952. Trasferito a Milano dove vive e insegna ha frequentato l’Accademia di Belle Arti di Brera.

…Quella che si contempla, sembra sottintendere l’autore,è soltanto una faccia della drammatica trappola speculare dell’esistenza. Ed anche se in qualche quadro si avverte, immediato,un senso di libertà strangolata, i corpi appaiono come imbalsamati in una sorta di folgorata agonia: talvolta immobili e inerti come dei “Marat” assassinati, talaltra congelati nel delirante galoppo di una istintualità sbranata nel suo vano tentativo di realizzarsi… Più li guardiamo questi dipinti-lastre di ghiaccio, più avvertiamo che a un tratto potrebbero creparsi, frantumarsi, decomponendosi in un’uniforme chiazza di cadaverina, discoprendo il nostro non essere nel mondo contemporaneo, emanando tutti i fetori dei nostri irrisolti conflitti, delle nostre perversioni, dei nostri egoismi, in una parola: della nostra disumanità.
… quella di Giovanni Lo Presti è ancora una pittura che si muove ed articola nell’esistenziale, ma in “un’esistenziale” che possiede tutte le premesse per portarsi nel territorio di una più vasta e penetrante disamina dell’oggettività.
Gianni Pre

…Giovanni Lo Presti colloca la sua poetica in quel grande filone che dal realismo arriva a Milano ad una singolare versione dell’oggettività: una versione che trova riscontri e radici nello sviluppo di quelle ricerche, definite poi di “ realismo esistenziale”, così attive, proprio nella nostra città, negli anni sessanta.
Si tratta di una testimonianza poetica ed emozionale ancor prima che semplice scelta stilistica. Testimonianza allucinata e sbalordita, muta e silenziosa; fatta di quella qualità di “silenzio” che solo la disperata coscienza di un dramma compiuto o che sta per compiersi può dare.
I quadri allarmati e silenziosi di Lo Presti ci parlano proprio di questo: del dramma nostro di ogni giorno, fatto di città disumananti, di alienazioni e contraddizioni inaudite, di ambienti e gesti umani svuotati di ogni concretezza, di ogni reale significato umano.
Sono quadri perentori e asciutti, inequivocabili. Lucidi, di quella lucidità che solo proviene dalla coscienza diretta, dalla consapevolezza dell’esperienza in prima persona. E’ proprio per questa verità priva di filtri letterari, priva di artificiosi spessori che essi investono l’attenzione dello spettatore con la forza di uno schiaffo.
Giorgio Seveso

…C’è un modo per cogliere il significato profondo della realtà oltre la lente d’ingrandimento del lirismo; certo, bisogna rovesciare completamente la visione, bisogna invertire le lenti del cannocchiale: estraniarsi, allontanarsi fino a che il gioco delle suggestioni e dell’incantesimo emanato dagli oggetti svanisca. Solo allora la realtà senza più gli specchi della magia ci restituirà l’altra faccia nascosta.
Giovanni Lo Presti insegue questa seconda faccia. Lo fa con una tecnica di pittura precisa, attenta, spietatamente realistica, lontana da tutte le suggestioni incantatorie dell’astrattismo colorista. Lo fa con estrema perizia e con sottile crudeltà.
Il bisturi scarnisce ogni “aura” letteraria che imprigiona l’oggetto, ne recide ogni legamento superfluo, ogni compiacimento, fino a restituirci una nuova immagine che possa competere con la luce…
…Non resta allora che avventurarci nei labirinti della mente. Ripercorrere i mille fili colorati delle mappe del quotidiano … nei miliardi di strade che si incrociano e s’intersecano per riportarci sempre a capo, allo stesso punto di partenza.
Cercare un’uscita, o forse negarci un’uscita per non perderci nei campiti sfondi metallici, nel bianco terrore, dove immobili pareti riflettono il freddo silenzio…
Antonio Dalla Nora

…Esplicata fino alla minuzia, la figurazione di Giovanni Lo Presti è bensì perentoria e determinata, nondimeno la sua gelida evidenza adombra i sintomi di una viscerale afflizione, di un pensare ricorrente e ossessivo. Giovanni Lo Presti intende l’arte come un modo o, per meglio dire, un sistema attraverso il quale forzare il rapporto con la realtà, fissando, in una dimensione spaziale univoca, l’istante ultimo, il momento esaustivo del confronto.
Quello di Giovanni Lo Presti è uno spazio solidificato, che non ammette intrusioni. Uno spazio dove le istanze impregnano le idee, dove i moventi provocano la forma e la struttura.. Perciò credo sia opportuno soffermarvisi.
Non visionarie attraenze, come detto, ne avventurose sperimentazioni, e tantomeno un comodo divagare sui sedimenti della memoria. Pur riconducibile ad un comune dettato etico, ogni singola opera è, di per se, un evento esauriente, un compendio definitivo. La pittura è il mezzo per creare entità conchiuse, criticamente organizzate come luoghi di convivenza di cause ed effetti. ..
La luce fredda che avvolge cose e figure non è genericamente allusiva, bensì mediata dall’analisi e dalla riflessione. La limpida, serica linearità dei soggetti richiama ed afferma il codice morale che ne anima l’essere ed esistere.
Mi sembra , in conclusione, che l’arte di Giovanni Lo Presti, attraverso la meticolosa chiarezza delle sue trame suggestive, miri ad aggredire l’anima nascosta dell’uomo d’oggi: quella più vulnerabile alle ansie, alle incertezze, alle paure; quella più debole, colpevole e inconfessata. Affiora così il messaggio profondo di una ricerca che si compie nella coscienza oggettiva e obiettiva della realtà, delle sue implicazioni e degenerazioni e nel presagio di un momento decisivo, imminente, non altrimenti dispensabile.
Preludio alla fine o, forse, all’espiazione.
Alberto Rovida



Powered by Memoka

Questo sito utilizza i cookie, anche di terze parti, per funzionare meglio e per offrire pubblicità attinente agli interessi dei visitatori. Proseguendo con la navigazione oppure cliccando il pulsante ok acconsenti a ricevere cookie sul tuo dispositivo. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fonire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o clicchi su "Accetta" permetti al loro utilizzo.

Chiudi