Giornate Europee del Patrimonio 2007 – Le Mostre

Filed under:Grandi eventi — scritto da claudia il 27 Settembre 2007

Giornate Europee del Patrimonio 2007: oltre mille eventi straordinari e  gratuiti  in tutta Italia. Aperture di luoghi d’arte, convegni, percorsi storici, concerti, mostre. Ecco alcune mostre che verranno inaugurate per l’occasione.

L’Aquila
“Michelangelo Antonioni: le montagne incantate”
Museo Nazionale d’Abruzzo
via Ottavi Solecchi
29 -30 settembre ore 8.30 – 19.30

La Soprintendenza per il Patrimonio Storico Artistico ed Etnoantropologico dell’Abruzzo, negli spazi del Museo Nazionale d’Abruzzo, aveva da tempo programmato la realizzazione della mostra sull’opera pittorica del grande regista Michelangelo Antonioni, dedicata alle “montagne incantate”, progetto che assume un significato particolare dopo la recente scomparsa del Maestro.
La mostra,160 opere fra dipinti a tempera, per lo più inediti, e ingrandimenti fotografici d’autore, i cosiddetti “blow up”, provenienti dal Museo Antonioni di Ferrara, è realizzata in collaborazione con le Gallerie Civiche di Arte Moderna e Contemporanea di Ferrara e con l’Istituto Cinematografico “La Lanterna Magica” di L’Aquila.
Il tema è la montagna, nelle sue molteplici “apparizioni”; si tratta dunque non di luoghi geograficamente definiti, ma paesaggi interiori, dell’anima, che richiamano le immagini e la fascinazione di luoghi visti con l’occhio del cineasta.
Alla mostra sarà affiancata la proiezione dei film e dei documentari più significativi del Maestro e maggiormente legati al tema dell’esposizione; il catalogo, bilingue ed edito dall’editore Gangemi di Roma, è corredato da un’ampia antologia critica con le testimonianze storiche, tra le altre, di Giulio Carlo Argan, Maurizio Calvesi, ed Alberto Boatto.
Lo stesso Antonioni spiegava così la sua personale esperienza artistica: “[…] Per me regista si è trattato di una interessantissima sperimentazione. Non mi ha mai sfiorato il pensiero di toccare il mondo dell’arte, anche perché non saprei a quale forma d’arte assegnare questi oggetti. Se è vero che scarabocchiando quei pezzi di carta sono evaso dal cinema, è anche vero che attraverso l’ingrandimento fotografico in qualche modo al cinema mi sono riavvicinato”.

Vibo Valentia
Presa di possesso dello stato di Mileto, Francavilla e Pizzo. Da alcuni documenti d’archivio del 1676
Sala Conferenze
J. Pallach, 46
Inaugurazione: 29 settembre ore 9.30. Aperta fino al 15 ottobre

La mostra racconta, attraverso alcuni documenti conservati presso l’Archivio di Stato e in particolare un “istrumento, datato 29 marzo 1676”, la presa di possesso dei feudi di Mileto, Francavilla e Pizzo, che dopo la morte del principe Rodrigo de Silva erano passati al figlio ed erede Gregorio. L’obiettivo è quello di mostrare la grande influenza esercitata da alcuni paesi europei nella formazione culturale del nostro paese, con particolare riferimento agli usi, ai costumi e alle tradizioni. Nel caso della Calabria nel periodo in questione la chiara derivazione è spagnola soprattutto in tutti gli apparati scenografici e pirotecnici utilizzati per cerimonie pubbliche, come appunto quella della presa di possesso dei feudi di Gregorio de Silva, ma anche molte cerimonie religiose, come ad esempio quelle della Settimana Santa, in particolare la domenica di Pasqua.

Cagliari
Gli ori di Sant’Efisio a Cagliari
Municipio di Cagliari, sala Figari
Via Roma, 153
28 settembre ore 18.00 inaugurazione

Per la prima volta saranno esposti i gioielli che costituiscono il prezioso “tesoro di Sant’Efisio”, raccolti nel corso dei secoli grazie alle donazioni dei numerosissimi devoti al Santo martire cagliaritano, in segno di gratitudine e di riconoscenza, per aver ottenuto le grazie richieste.
In questa occasione verranno esposti, in apposite vetrine, i pezzi più preziosi e significativi, corredati da esaustive didascalie, che illustreranno le tecniche di lavorazione, i materiali utilizzati, le caratteristiche stilistiche e la loro storia. Tra questi, ricordiamo il secentesco Toson d’Oro che l’Alternos porta in occasione della processione del 1° maggio, la “ganza” tempestata di pietre preziose offerta al Santo Patrono dalla regina Maria Teresa d’Austria d’Este durante il suo esilio in Sardegna, la “corona d’oro” realizzata dalla città di Cagliari in occasione della trecentesima sagra di maggio, l’elmo, la spada e la palma, che costituiscono gli attributi iconografici del simulacro ligneo.
Far conoscere questo patrimonio significa non solo avere una testimonianza della continua e costante fede dei sardi verso il Santo, ma consente di stabilire, con una precisa ricostruzione cronologica, attraverso documenti inediti, le origini della produzione orafa che negli ultimi secoli è stata realizzata in Sardegna o importata dal Continente.
Nelle teche troveranno spazio anche i numerosi anelli, orecchini, bracciali e spille che documentano la profonda religiosità dei fedeli verso Sant’Efisio e il gusto del momento. Completeranno e integreranno l’esposizione alcuni inventari inediti, conservati nell’archivio storico dell’Arciconfraternita, relativi ad alcune opere esposte.

Ancona
"Augusto capite velato".

Dal 29/09/2007 al 31/12/2007
Costo del biglietto: gratuito
Museo Tattile Statale Omero
Via Tiziano 50

Orario: Martedì – sabato 9-13/15-19 Domenica e festivi 16-19.30 Chiuso il 25/12/2007
Telefono: 071/2811935
Fax: 071/2818358
E-mail: info@museoomero.it
Sito Web: http://info@museoomero.it
E’ nella natura del Museo Tattile Statale Omero rendere fruibile al tatto opere d’arte soprattutto se originali, e, grazie alla sensibilità della Soprintendenza per i beni archeologici delle Marche, sarà accessibile il ritratto velato di Augusto pregevole scultura e reperto archeologico di grande rilievo segno di un’epoca, quella romana, in cui si andava formando l’identità europea.

Matera
Prima della città: Matera dall’età del ferro alla romanizzazione
Dal 29/09/2007 al 31/12/2007
Costo del biglietto: € 2.50 – Gratuito durante le Giornate Europee del Patrimonio
Museo Archeologico Nazionale "Domenico Ridola"
Via Domenico Ridola, 24

Orario: 9.00-20.00
Telefono: 0835.310058
E-mail: museoarcheologicomatera@virgilio.it
Prima della città: Matera dall’età del ferro alla romanizzazione
Sarà esposta una selezione dei materiali archeologici provenienti dai contesti urbani di Matera finalizzato alla redazione della carta archeologica della città tra età antica e medioevo

Bologna
Dagli Appennini ai Pirenei. Pietro Bubani: un botanico nel Risorgimento
Dal 29/09/2007 al 17/11/2007
Museo civico del Risorgimento
Piazza Carducci 5

Orario: 29 settembre: inaugurazione ore 17.00 – 30 settembre: apertura dalle 9.00 alle 13.00 – Dal 2 ottobre al 17 novembre: apertura da martedì a sabato e le domeniche 7 ottobre e 4 novembre dalle 9.00 alle 13.00 – Chiuso lunedì, le restanti domeniche e l’1 novembre
Telefono: 051.347592
E-mail: museorisorgimento@comune.bologna.it
Pietro Bubani (1806-1888) fu uno dei più attivi botanici dell’Ottocento italiano, eppure egli è assai più noto all’estero. Giovane studioso di scienze naturali, partecipò ai moti risorgimentali del 1831 e fu costretto all’esilio. Qui maturò la decisione di dedicarsi allo studio delle vegetazione dei Pirenei e nel 1836 intraprese il primo viaggio. Su quelle montagne l’ardito ricercatore trascorse, in diverse spedizioni, quasi 26 anni, legandosi profondamente a quella regione. Rischiando la vita in più occasioni egli riuscì a classificare oltre 2.800 specie botaniche. La mostra, corredata di ampio catalogo, costituisce il punto d’arrivo di un’ampia ricerca, condotta presso istituti culturali italiani e stranieri e presso privati, che ha permesso di ricostruire la complessa figura di Pietro Bubani e del suo itinerario scientifico ed umano “Dagli Appennini ai Pirenei”.

Rimini
Le ore e i giorni delle donne. Dalla quotidianità alla sacralità tra VIII e VII secolo a.C.
Aperta fino al 06/01/2008
Costo del biglietto: (mostra + museo): Interi 5,50 – Ridotti 4,00 – Scuole 3,00 (con percorso guidato)
Riduzioni: (mostra + museo): Ridotti 4,00 – Scuole 3,00 (con percorso guidato)
Ex chiesa di Sant’Agostino e Museo Civico Archeologico
Via S. Agostino 55
Verucchio (Rimini)

Orario: Fino 30 Settembre 2007, aperto tutti i giorni (festivi inclusi) dalle 9.30 alle 12.30 e dalle 14.30 alle 19.30
Telefono: 0541 670222
E-mail: iat.verucchio@iper.net
La mostra rappresenta una tappa fondamentale del più ampio progetto di valorizzazione del patrimonio archeologico di Verucchio. L’allestimento è incentrato sul tema delle donne di alto rango vissute nel contesto verucchiese ed italico in genere, illustrandone le attività quotidiane, i ruoli, fino agli aspetti rituali.



Powered by Memoka

Questo sito utilizza i cookie, anche di terze parti, per funzionare meglio e per offrire pubblicità attinente agli interessi dei visitatori. Proseguendo con la navigazione oppure cliccando il pulsante ok acconsenti a ricevere cookie sul tuo dispositivo. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fonire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o clicchi su "Accetta" permetti al loro utilizzo.

Chiudi