Progettoggetto. Prove di materializzazione a Pistoia

Filed under:Collettiva — scritto da claudia il 19 Giugno 2007

progettoggetto
prove di materializzazione

a cura di Stefano Coletto

Kristine Alksne | Atrium Project 
Michele Bazzana | Francesco Carone
Nicola Gobbetto | Brunno Jahara | Maria Piccinini
Alberto Tadiello | Simone Tosca | Nikola Uzunovski

Palazzo Bracciolini delle Api
Ingresso via Bracciolini, 3  (angolo Piazza Duomo)
Pistoia

Inaugurazione venerdì 22 giugno 2007, ore 18.30

Venerdì 22 giugno 2007, alle ore 18.30 si inaugura la mostra d’arte contemporanea progettoggetto, a cura di Stefano Coletto. Primo di una serie di appuntamenti in spazi esterni alla Galleria SpazioA contemporanearte di Pistoia, la mostra dà il via al progetto InsideOut che ha l’intento di trovare nuove e stimolanti occasioni  anche fuori dalla galleria per entrare dentro altri spazi nel centro storico di Pistoia. Il Palazzo Bracciolini delle Api, sede dell’evento, appartenne alla famiglia patrizia dei Bracciolini e risale ai primi del ‘600.    Al piano terra dell’antico edificio la galleria ospita una collettiva di giovani artisti emergenti italiani e stranieri.
Negli anni delle trasformazioni estetiche indotte dai nuovi media, nella diffusione sempre più massiccia dell’audio video e della progettazione attraverso il digitale, ha senso chiedersi quali siano le strategie con le quali i giovani artisti guardano oggi agli oggetti. La mostra nasce con questa intenzione coinvolgendo degli artisti emergenti.
Quando si parla di oggetti in arte si pensa immediatamente alla scultura oppure al design.
La scultura ci riconduce alla forma che si articola nello spazio, con le sue norme, la sua tradizione storica e le sue poetiche. La mostra però non intende confrontarsi con la scultura, che un percorso storico, artistico ed estetico ha trasformato in installazioni multimediali come in Nam June Paik, in opere relazionali come in Beuys, in sculture corpi come nella Body Art di Gilbert and George o in opere che si confrontano con il paesaggio e gli elementi primordiali della natura come nella Land Art e nell’Arte Povera.
Considerare l’oggetto oggi significa non parlare di un’opera in sè conclusa, ma della realizzazione di un qualcosa che è parte di una costellazione più ampia, di una significazione più allargata.
Da sempre l’attività conoscitiva dell’uomo è imperniata sulla relazione tra soggetto e oggetto, tra un individuo che percepisce e conosce e un mondo di cose, di situazioni, di ambienti che gli stanno di fronte.
L’oggetto artistico è ciò che noi produciamo ma anche ciò che in seguito ci sta di fronte, quasi uno strumento, un elemento materico fondamentale per
costruire delle storie personali, come elemento di congiunzione per considerazioni esistenziali, psicologiche ed estetiche.
Il design pensa agli oggetti tenendo conto di una funzionalità che non è solo formale ma anche tattile, visiva, immaginativa; il design riflette in modo allargato sulle norme di fruizione.

Invece nell’ambito artistico l’oggetto sta lì per essere giocato e discusso, osservato e cancellato, ma anche preso e distrutto. L’artista pensa a queste possibilità e non ne trascura nessuna, confrontandosi con il confine dell’oggetto, nel senso dell’esperienza limite che può indurre la presenza dell’oggetto nella vita dell’individuo; l’arte concettuale ha anche introdotto la scomparsa della tridimensionalità dell’oggetto come opera.
Dieci artisti che con le loro opere sembrano alludere a 10clicks, un’opera dei Limiteazero (http://limiteazero.net/p5/index.html) in cui un software permette in 10 clicks di mouse di costruire una forma che poi possiamo far ruotare a nostro piacimento; la mostra come occasione per creare uno spazio attivo di progettazione e riflessione sulle possibili materializzazioni dell’oggetto.

Dal 22 giugno al 25 luglio – dal 20 agosto al 22 settembre 
dal martedì al sabato 10.30-13.00 16.00-20.00 – info@spazioa.it | www.spazioa.it



Powered by Memoka

Questo sito utilizza i cookie, anche di terze parti, per funzionare meglio e per offrire pubblicità attinente agli interessi dei visitatori. Proseguendo con la navigazione oppure cliccando il pulsante ok acconsenti a ricevere cookie sul tuo dispositivo. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fonire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o clicchi su "Accetta" permetti al loro utilizzo.

Chiudi