Mise en Abyme

Filed under:Friuli Venezia Giulia — posted by claudia on 30 Ottobre 2007 @ 5:07
“Mise en Abyme”
   
Artisti: Marya Kazoun, Debora Vrizzi
Curatrice: Rosetta Gozzini
Durata: 27 ottobre – 13 dicembre 2007
Catalogo: testo critico di Rosetta Gozzini

La galleria 3g arte contemporanea di Udine ospita, presso i suoi spazi espositivi, in via della Rosta 44, la mostra “Mise en Abyme” in collaborazione con la Galleria Michela Rizzo di Venezia, una doppia personale delle artiste Marya Kazoun e Debora Vrizzi.
 
Come dice la curatrice Rosetta Gozzini “due artiste la cui tensione creativa è mossa da principi opposti e complementari: Marya Kazoun e Debora Vrizzi. La prima, trova nella imperativa manifestazione dell’interiorità il luogo di appartenenza della sua opera; la seconda, al contrario, riconosce nell’esteriorità del fenomeno storico il punto di incontro del senso dell’esistenza e della sua, per quanto creativamente intenzionata, ineludibile simbolicità”. La mostra si compone di un’istallazione articolata dell’artista libano-canadase Marya Kazoun e di una serie fotografica da performance e video dell’artista friulana Debora Vrizzi.

Marya Kazoun, artista dalla riconosciuta fama internazionale, propone “InGest”, un’installazione dal notevole impatto visivo composta di tele, sculture di vetro e di cinque grandi figure, gli Amos, che, come dice l’artista, “…sono creature pelose di natura incerta…essi sono stanchi del pesante carico dell’umanità, e questo si riflette sui loro corpi”  secondo la curatrice “Il suo mondo è sostanzialmente psichico, in cui lo sprone della vita dà corpo ad esseri formalmente irreali ma che acquistano valenza esistenziale proprio perché nella loro apparente inconsistenza rimandano ad un sistema di riconoscimento che fa capo al pauroso ricordo dell’abisso della nostra anima. La Kazoun sembra ammettere con disarmata sincerità che i nostri luoghi interiori siano animati da presenze non definibili, ma probabilmente temibili. Marya tesse con le sue mani di maga creature che poi prendono forma e vita, esseri che affiorano dalla sua immaginazione. Creature multiformi e multi materiche che alimenta meticolosamente con rammendi di stoffa, fili, perline e vetro”. Marya Kazoun ha esposto in numerose mostre internazionali fra cui la 51a Biennale d’arte di Venezia e l’8a Biennale di Sharjah.

Debora Vrizzi, con l’opera “Un-happy ending”, rappresenta in modo fotografico le sue performance relative alla tragica morte di otto personaggi femminili storici: Lady Diana (1997), Francesca Woodman (1982), Madre Teresa di Calcutta (1997), Maria Antonietta (1793), Marylin Monroe (1962), Mata Hari (1917), Nico (1988), Sissi (1898). Come dice la curatrice “L’artista pur prendendo spunto dalla realtà storica rielabora i tratti dell’evento in cui la vita di queste donne si è fermata a partire, sembra, da una duplice immaginazione che congiunge l’idea del fenomeno, dell’evento improvviso, a quella del destino, sottolineando il momento critico del passaggio da una condizione a un’altra”. L’idea di partenza è quella delle news del telegiornale che possono essere interpretate come delle fiabe a puntate, delle fiabe senza lieto fine: delle storie (notizie ambigue) di “Principesse”, come dice l’artista, “di donne le cui vite/morti sono soggette ad interpretazione continua e cangiante”. La Vrizzi si è travestita e truccata come queste donne nel momento del passaggio al fine di interpretare le loro morti rendendole pop attraverso degli elementi utili ad identificarle per il loro passato da vive. Debora Vrizzi ha partecipato a Stazione di Topolò, Hic et Nunc e ha esposto in collettiva presso la Galleria d’arte moderna e contemporanea di Bondeno (Ferrara) e la Galleria comunale d’arte contemporanea di Monfalcone.

Galleria 3g arte contemporanea
Via della Rosta, 44 – 33100 Udine
Tel./Fax. +39 0432 507097
www.3garte.com info@3garte.com
Orario: da martedì a sabato 16.00 – 20.00

zero comments so far »

Please won't you leave a comment, below? It'll put some text here!

Copy link for RSS feed for comments on this post

Leave a comment

Line and paragraph breaks automatic, e-mail address never displayed, HTML allowed: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>

(required)

(required)




Powered by Memoka

Questo sito utilizza i cookie, anche di terze parti, per funzionare meglio e per offrire pubblicitĂ  attinente agli interessi dei visitatori. Proseguendo con la navigazione oppure cliccando il pulsante ok acconsenti a ricevere cookie sul tuo dispositivo. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fonire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o clicchi su "Accetta" permetti al loro utilizzo.

Chiudi