Ferruccio Gard. La Venezia Dipinta

Filed under:Pittura,Toscana — posted by claudia on 18 Aprile 2007 @ 7:37

Venezia dipinta Ferruccio Gard
La Venezia dipinta. Opere dal 1973

12 maggio – 3 giugno 2007
Pietrasanta, Chiostro di Sant’Agostino

Un viaggio lirico nel colore e nelle sfolgoranti profondità dell’essere. Una musicalità cromatica intensa che cattura e coinvolge. Ferruccio Gard, già protagonista dell’arte cinetica, è uno degli esponenti più significativi dell’astrattismo europeo. A Pietrasanta l’artista proporrà una grande antologica per ripercorrere le tappe salienti dei suoi oltre trent’anni di pittura. In mostra saranno presenti circa quaranta opere, dagli anni Settanta alle fasi geometriche e astratto-informali, sino alle attuali esplosioni cromatiche definite dal critico Renato Barilli “la fissione del colore”.

Da un iniziale periodo surrealista e metafisico, Ferruccio Gard esplora la percezione visiva sviluppando numerose ricerche che lo conducono nel 1987 all’astrattismo della nuova geometria. L’astrattismo è definito da Gard la ricerca dell’assoluto, dunque mai completamente raggiungibile e decifrabile dall’uomo. Nelle sue opere è presente l’assente, ovvero l’uomo, ed è visibile l’invisibile, i sentimenti. Gioie e dolori, il più intimo sentire dell’uomo, sono resi attraverso combinazioni di colori, figure geometriche e simboli. Un universo luminoso che cattura la sensibilità dell’osservatore. Un fascino magnetico che coinvolge in un’esplosione di colori e di forme.

La mostra presenta oltre quaranta opere tra le quali anche una serie di quadri cinetici di grandi dimensioni raffiguranti il Palazzo Ducale di Venezia, realizzati in collaborazione con il noto architetto Maurizio Rosa. Lo splendido edificio storico viene dipinto con i colori e le forme astratte proprie dell’artista. Una provocazione per lanciare la proposta di recuperare architetture non di pregio e del tutto impersonali che si trovano in ogni piccola o grande città, con pannelli cromatici e interventi pittorici coraggiosi.

L’ampia antologica offrirà anche l’occasione per ammirare alcune opere in bianco e nero, realizzate, per la prima volta, dopo anni ed anni di pittura caratterizzata da intensa varietà cromatica.

Dopo Torino, Padova e Venezia – afferma l�assessore alla cultura Daniele Spina – quest’importante percorso espositivo arriva a Pietrasanta. La poesia cromatica di Ferruccio Gard trova nelle sale del Chiostro di Sant’Agostino le sue più compiute espressioni. Un respiro esistenziale che si traduce in tocchi di colore e di simboli. Un seducente percorso nell’io più profondo. Gard ci introduce nel suo mondo pittorico i cui esiti sono certamente considerati fra i più interessanti ed originali del panorama italiano ed internazionale.

Cenni biografici:
Ferruccio Gard, già fra i protagonisti dell’arte cinetica, è uno degli esponenti più noti dell’astrattismo. Considerato un maestro del colore, è stato invitato a tre Biennali di Venezia (1982, 1986, 1995) e all’XI Quadriennale di Roma. Ha tenuto oltre 130 mostre personali in Musei e Gallerie di tutto il mondo. La sua recente operazione estetica è fra le più stimolanti dell’attuale panorama, sia per la personale ricerca cromatica, sia per l’originale fusione di due esperienze fondamentali dell’arte contemporanea quali l’astrattismo e l’informale, che si risolvono nel segno di una esplosione di colori disseminati sulla spazialità della tela. E’ nato a Vestignè (Torino) nel 1941. Dal 1973 vive e lavora a Venezia, con studio nell’isola del Lido. Determinante, per la sua attività artistica, è stato l’incontro con il critico Giuseppe Marchiori, fondatore a Venezia, nel 1946, dello storico Fronte Nuovo delle Arti. Fu proprio Marchiori ad incoraggiare Gard verso il neocostruttivismo e la pittura cinetica. Fra gli ultimi importanti riconoscimenti la vasta antologica che la Regione Piemonte gli ha dedicato a Torino, nella Sala Bolaffi (dicembre 2004-gennaio 2005) per il ciclo “I maestri piemontesi viventi”. Mostra trasferita poi a Treviso, nella pure prestigiosa Casa dei Carraresi, allestita dalla Fondazione Cassamarca dopo il quinquennale ciclo di mostre dedicate agli Impressionisti. Nel 2006 la Città di Padova gli ha dedicato la mostra antologica “Emozioni Cromatiche” nel Palazzo del Monte di Pietà, poi trasferita a Venezia nella Scuola Grande di San Giovanni Evangelista, con la collaborazione della Regione Veneto. Sull’arte di Gard hanno scritto notissimi critici, da Pierre Restany ad Achille Bonito Oliva.

Mostra: La Venezia dipinta

Artista: Ferruccio Gard

Date esposizione: 12 maggio –  3 giugno 2007

Orario:   16.00-19.00; lun. chiuso

Ingresso: libero

zero comments so far »

Please won't you leave a comment, below? It'll put some text here!

Copy link for RSS feed for comments on this post

Leave a comment

Line and paragraph breaks automatic, e-mail address never displayed, HTML allowed: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>

(required)

(required)




Powered by Memoka

Questo sito utilizza i cookie, anche di terze parti, per funzionare meglio e per offrire pubblicità attinente agli interessi dei visitatori. Proseguendo con la navigazione oppure cliccando il pulsante ok acconsenti a ricevere cookie sul tuo dispositivo. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fonire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o clicchi su "Accetta" permetti al loro utilizzo.

Chiudi